Il sito per conoscere tutto sulla località delle Alpi del Mare

frabosasottana.com


Frabosa Sottana è un comune della provincia di Cuneo situato nella Valle Maudagna a circa 650 m s.l.m., nota località turistica conosciuta soprattutto per gli sport invernali, ma anche per un turismo estivo. Ha un territorio molto esteso 37kmq dai 490 metri di Gosi, la frazione al confine con il comune di Villanova Mondovi per arrivare agli oltre 2280 metri del Mondolè, la vetta più alta che dà anche il nome a tutto il comprensorio sciistico che comprende le stazioni di Artesina, Pratonevoso e Frabosa Soprana (quest'ultima comune a se stante). Oltre a quelle citate, Frabosa comprende le frazioni di Pianvignale, Alma Ressia, Riosecco San Giacomo e Miroglio. Il comune conta circa 1600 abitanti residenti, ai quali occorre aggiungere oltre seimila seconde case, che pongono il comune piemontese ai primi posti in Italia per numero di alloggi stagionali.

 
.


 
Festival del Formaggi tipici e di montagna - Frabosa Sottana 14-15 maggio 2022

 


 
Torna a Frabosa Sottana il Salone del Libro di Montagna giunto all'ottava edizione


 



LA RASSEGNA SI SVOLGERA' A FRABOSA SOTTANA. IL "PATRON" GIANNI DULBECCO: «PROPOSTA VARIEGATA E ACCATTIVANTE FATTA DI PRESENTAZIONI LIBRARIE, MOSTRE, CONVEGNI E PROIEZIONI»

Tutto pronto per il Salone del Libro di Frabosa Sottana. Sabato 23 e domenica 24 luglio prossimi, la rassegna culturale della valle Maudagna, taglierà infatti il traguardo delle otto edizioni, con enorme soddisfazione di Gianni Dulbecco, presidente della Associazione culturale valle Maudagna e organizzatore dell'evento,

«Ogni anno una candelina in più per una rassegna che dirige da sempre lo sguardo alle nuove produzioni librarie (che non sono poche e tutte di notevole interesse), ma che è attenta a tutto ciò che riguarda l'ambiente montano con le sue innumerevoli bellezze, il suo straordinario fascino, ma anche le ineludibili criticità che lo attanagliano –sottolinea il "patron della kermesse– la Montagna resta il perno di ogni iniziativa promossa nell'ambito del nostro Salone che proporrà nell'ambito della "due giorni" la presentazione di una serie di opere che fanno parte della sempre imponente produzione libraria nazionale. Testi che richiamano temi ed argomenti accattivanti, profondi ed appassionanti».

L'elenco completo degli scrittori che saliranno a Frabosa Sottana per presentare i loro lavori verrà completato e svelato solo tra qualche giorno.

«Quello che posso aggiungere –completa il presidente dell'Associazione Culturale Valle Maudagna, Gianni Dulbecco– è che il programma del Salone del Libro di Montagna di Frabosa Sottana non sarà solo fatto di racconti, romanzi, novelle e poesie, ma si articolerà, come tradizione, anche attraverso mostre, convegni e proiezioni. In programma avremo un paio di convegni tesi a garantire ulteriore richiamo ad una rassegna che di anno in anno si ripromette, attraverso la promozione libraria e le varie iniziative collaterali di richiamare sempre più attenzione verso l'ambiente, quello montano in particolar modo, e la natura puntando con decisione alla promozione del territorio, sotto ogni punto di vista».

Il Salone del Libro di Montagna di Frabosa Sottana che propone gratuitamente al pubblico ogni iniziativa, gode del Patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Cuneo e del Comune di Frabosa Sottana oltre che del contributo della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de Baldi e di importanti aziende che operano nel Nord-Ovest.
La rassegna si struttura quest'anno in due location poco distanti una dall'altra: il salone convegni dell'Albergo Italia e la sala conferenze della Confraternita.

Sarà possibile seguire l'ottava edizione del Salone del Libro di Montagna di Frabosa Sottana attraverso il sito ufficiale www.salonelibromontagna.blogspot.it oppure collegandosi alla pagina https://www.facebook.com/Salone-Libro-Montagna-Frabosa
Frabosa Sottana, 07 Maggio 2022

 
Ritorna dopo due anni di stop la Fera 'd San Giors


 

Giovedi 21 aprile

ore 9,00 Scuola Primaria di Frabosa Sottana: attività formativa a cura dell'azienda agricola "Capre al pascolo"

ore 21,00 Sala del Consiglio "San Giorgio e il Libro": incontro con Irene Borgna, autrice di Cieli Neri, Sulle Alpi e il Pastore di Stambecchi

Venerdì 22 aprile

ore 18,30 Consegna Costituzioni in sala del Consiglio

ore 20,00 Gala Palace GRAN POLENTATA 'D SAN GIORS con la partecipazione del gruppo canoro "I Menhir"

Sabato 23 aprile

ore 15,00 Confraternita inaugurazione mostra "TUTTI I BIMBI DEL MONDO" a cura dell'Associazione Culturale "I Mondaj" con la collaborazione delle Scuole dell'Infanzia e Primaria di Frabosa Sottana.

ore 17,30 "Progetto Nascite", consegna cartoline illustrative presso la Confraternita

ore 21,00 Gala Palace INFERNO....Suoniam e ci faranno entrare. Una commedia d'annata. A cura della Compagnia Corrado Leone & Friends ingresso a offerta libera, regolamentato secondo le limitazioni anti-covid vigenti.

Domenica 24 aprile

ore 8,00 Apertura della "14ma RASSEGNA ZOOTECNICA 'D SAN GIORS" con esposizione di bovini, equini, ovini e caprini. A seguire (ore 12) premiazione dei capi migliori

ore 9,00 Confraternita apertura mostra "TUTTI I BIMBI DEL MONDO" (9,00-12,00/14,00-18.00)

ore 10,45 Santa Messa presso la Chiesa Parrocchiale di San Giorgio.

ore 13,00 Presso il Gala Palace "PRANZO ALLEVATORI" partecipazione aperta a tutti e regolamentata secondo le limitazioni anti-covid vigenti.

Per tutta la giornata MEERCATINO DEI PRODOTTI TIPICI E DELL'ARTIGIANATO esibzione ASD Gruppo Arcieri Monregalesi di Villanova Mondovì.

Infopoint Mondolè 0174.244481 Pro Loco Frabosa Sottana 339.5928256



 
Le Grotte del Caudano aperte nel weekend di Pasqua



Le Grotte del Caudano saranno aperte nei giorni 16-17-18 aprile 2022 con la visita delle ore 15.00 (altri orari su richiesta). Prenotazione obbligatoria 331.8757807


 
Università del Mondolè martedi 12 aprile ore 21 presso la sala consiliare del comune di Frabosa Sottana "Osteopatia e trail running tutti i benefici" a cura del dottor Dario Aimo

 


 
Frabosa Sottana - domenica 3 aprile - Attribuzione della Cittadinanza Onoraria all’Associazione Nazionale Alpini sezione di Mondovì

 



Motivazione della concessione della Cittadinanza Onoraria

“Per la fedeltà e la dedizione alla Patria in tempo di guerra e di pace, per i valori di eroismo, di impegno morale e civile, di rispetto, altruismo e generosità, per l’esempio di abnegazione e solidarietà, per la continuità di legame con la nostra terra e le nostre generazioni, simbolo di encomiabile coesione sociale, e per essersi sempre resa degna di profondo apprezzamento e di viva simpatia da parte della cittadinanza e di tutte le comunità a favore delle quali, con preziosa opera, ha portato soccorso e conforto in occasioni di molteplici eventi calamitosi.

Il programma:

Frazione PIANVIGNALE

ore 8,30 Ammassamento in Piazza don Cesare Mao

Ore 9,30 Alzabandiera, inaugurazione monumento e Onori ai Caduti

Ore 10,00 S. Messa

Trasferimento al CAPOLUOGO

Ore 11,30 Ritrovo presso il monumento ai Caduti, Onori ai Caduti, Corteo sino al Galapalace. Interventi autorità. Consegna della Cittadinanza Onoraria alla Sezione ANA di Mondovì

Ore 13,00 Ritrovo conviviale al Ristorante Italia (su prenotazione, vedi sotto)

Ore 17,00 Ammainabandiera

Presenzieranno la Fanfara Alpina Monregalese e il Coro della Sezione ANA di Mondovì


Pranzo presso l’Albergo Ristorante Italia ore 13 – posti limitati prenotazione obbligatoria entro martedì 29 marzo 2022 presso Albergo Italia 0174.244000 338.3939148

 




Menù

Carne alla zingara con scaglie di grana
Insalata Russa
Tortino di verdure con fonduta
Peperoni in bagna Cauda
Salamini con purea

Ravioli al sugo di carne
Tagliatelle ai funghi

Arrosto di tacchino
Cinghiale con polenta
Contorno di patate e spinaci

Bonet
Macedonia con gelato

Vini della casa

(Bianco Pinot e Dolcetto)

Caffè

Digestivo
 
Dopo due anni di stop causa Covid, torna a Frabosa Sottana la Fiera di San Giorgio

 




Domenica 24 aprile torna a Frabosa Sottana la “Fera ‘d San Giors”.La rassegna zootecnica e mercato dei prodotti tipici organizzata dalla Pro Loco Frabosa Sottana rappresenta uno degli appuntamenti di riferimento dell’area del monregalese. "Da un paio di settimane si è messa in moto la macchina organizzativa - racconta Paolo Voarino presidente della Pro Loco - al fine di riproporre la tradizionale fiera il programma dei festeggiamenti sarà molto ricco e variegato, con attività che si svilupperanno durante l'intero fine settimana. Non mancheranno mostre, spettacoli e convegni.
Il momento centrale dell'evento sarà costituito come consuetudine dall'antica fiera zootecnica, dal pranzo degli allevatori presso il Gala Palace e dal mercatino dei prodotti tipici e dell'artigianato, in calendario la domenica. Nei prossimi giorni saranno rivelati tutti i dettagli del programma".

 
Università del Mondolè: appuntamento martedi 1 marzo a Frabosa Sottana con Giovanni Massari "Arrampicata ed alpinismo dal 1980 ad oggi"

 


Un nuovo appuntamento del ricco calendario dell'Università del Mondolé!
Martedì 1 marzo 2022 alle ore 21,00, presso la sala Consiliare del Municipio di Frabosa Sottana, Giovanni "Giova" Massari, professore in scienze motorie ed esperto climbers ed alpinista ci parlerà di arrampicata ed alpinismo dal 1980 ad oggi.
Prenotazioni presso l'infopoint mondolè di Frabosa Sottana 0174.244481 int.1

Obbligo di Green Pass

 
Festival dei Formaggi tipici e di Montagna rinviato a data da destinarsi



Considerate le nuove restrizioni stabilite dal Governo in data 23.12.2021 ai fini della sicurezza Anticovid il Festival dei Formaggi tipici e di Montagna del 28 dicembre è stato RINVIATO a data da destinarsi.


 
A Frabosa Sottana va in scena il Festival dei formaggi tipici e di montagna




Martedì 28 dicembre per tutta la giornata al Gala Palace. Alle ore 17,30 la conferenza stampa di presentazione del convegno dedicato agli alpeggi monregalesi.


I grandi formaggi del territorio protagonisti in uno dei Comuni simbolo della loro produzione: Frabosa Sottana. È con questo spirito che l'Associazione Turistica Mondolè, in collaborazione con l'Amministrazione comunale di Frabosa Sottana e con i Consorzi per la tutela del Raschera e del Bra, ha organizzato la prima edizione del Festival dei formaggi tipici e di montagna. O meglio, l'anteprima di un Festival che, dopo l'appuntamento alle porte, tornerà a svolgersi nel mese di maggio.

L'appuntamento è per martedì 28 dicembre 2021, quando, per tutta la giornata, già a partire dal mattino, il Gala Palace di Frabosa Sottana si trasformerà in vetrina dei prodotti caseari d'eccellenza: formaggi locali e non, d'alpeggio e di caseificio, con il Raschera ed il Bra a rappresentare il vero e proprio cuore dell'evento.

L'ingresso al Gala Palace sarà libero e gratuito (obbligatorio il green pass): all'interno del padiglione sarà possibile degustare e acquistare i formaggi esposti.

"L'idea - dichiara il presidente dell'Associazione Turistica Mondolè, Paolo Bruno - nasce dalla volontà di valorizzare le peculiarità gastronomiche di questa terra: un patrimonio di altissima qualità, dalla storia e dalle tradizioni antichissime, che meritano di essere tutelate e promosse. Come Associazione Turistica Mondolè abbiamo voluto riprendere un evento proposto nel 2006, che all'epoca era stato molto apprezzato. Dalla rielaborazione di quella proposta è nato il Festival dei formaggi tipici e di montagna, che, oltre ad essere un appuntamento da non perdere per gli amanti dei formaggi, vuole rappresentare anche il punto di partenza per nuove collaborazioni nell'ottica della valorizzazione del territorio".

Già, perché accanto all'aspetto gastronomico, il Festival dei formaggi tipici e di montagna rappresenterà anche un momento di prezioso approfondimento culturale, "aspettando" il vero e proprio festival che si svolgerà a maggio.

Martedì 28 dicembre, alle ore 17,30, infatti, si svolgerà la Conferenza stampa di presentazione del convegno "Alpeggi monregalesi: prospettive, risorse ed economie del corretto sfruttamento rivolto alla caseificazione", programmato per il 14 maggio 2022.

"I formaggi d'alpeggio rappresentano un'indiscussa eccellenza a livello gastronomico - spiega il direttore del Consorzio di tutela del Raschera, Aldo Fraire - , ma è oggi necessario avviare delle riflessioni sulle problematiche e sui vantaggi della monticazione. Quali scelte si stanno compiendo, a livello centrale, su questo tema? Quali problematiche vivono quotidianamente i malgari? Questi ed altri argomenti saranno oggetto del convegno in programma per maggio, quando ospiteremo a Frabosa Sottana allevatori e malgari, rappresentanti del mondo delle Istituzioni, Sindaci, veterinari e tutti coloro che, a vario titolo, possono contribuire alla valorizzazione e alla corretta fruizione degli alpeggi".

Una rete di collaborazioni, insomma, per riscoprire, nel segno dell'eccellenza dei prodotti caseari, anche un patrimonio di saperi e di tradizioni antichissime di queste valli alpine.

 
Prato Nevoso dal 3 dicembre tutte le piste saranno aperte. Sabato 7 dicembre ritorna l'Open Season

 


La voglia di sci è tanta, come testimoniato dal pienone del primo weekend di sci e, a partire dal 3 dicembre, tutte le piste del comprensorio saranno aperte. Merito delle perturbazioni dei giorni scorsi che hanno benedetto il cuneese e alle temperature che hanno permesso di produrre neve tecnica.

“Il clima rigido ci ha consentito di programmare un innevamento che sta regalando una neve meravigliosa su tutte le piste - ha detto Gianluca Oliva, dg della ski area - La nostra stazione è dotata di un sistema in grado di garantire una neve su misura, perfetta e compatta: siamo orgogliosi di poter dunque annunciare che da venerdì si potrà sciare in tutta Prato Nevoso".
Torna anche lo sci notturno a partire da martedì 3o novembre, un appuntamento che si ripeterà per tutta la stagione nelle giornate di martedì, venerdì e sabato.

Martedì 7 dicembre OPEN SEASON

Tutti pronti per una notte fuori dagli schemi?

Allora allaccia gli scarponi

Rimani con noi dal tramonto fino all'alba

Partecipa alla maratona

 E batti un record mai visto sulle piste di Prato Nevoso. Hai indovinato di cosa si tratta? Quest'anno l'Open Season cambia veste e si reinventa con una 24 ore di sci non stop! Gli impianti di Prato Nevoso rimarranno aperti dalle ore 18 di martedì 7 dicembre fino alle ore 18 di mercoledì 8 dicembre: vivi un'esperienza unica e sfida i tuoi amici provando a battere un record inedito: "Il maggior numero di discese mai effettuate sulle piste da sci di Prato Nevoso in 14 ore!".

 
Finalmente si scia! Artesina apre gli impianti sabato 27 novembre



Una bella notizia per chi ama la montagna e per tutto il comprensorio di Artesina. Sabato prossimo 27 novembre apriranno gli impianti della Turra e del Castellino . Si torna a sciare nel Mondolé e lo si farà per tutti i giorni, anche in settimana, fino a venerdì 3 dicembre. Poi, in base alle precipitazioni nevose (previste nei prossimi giorni) si deciderà per l'apertura anche di altri impianti.

"Noi siamo pronti, sarà una stagione importante", sottolinea Paolo Palmieri, ceo di Artesina Spa. "Sento entusiasmo da parte della gente che ha desiderio di poter tornare in montagna e a sciare. Saremo attenti come sempre a tutti i protocolli di sicurezza perché è importante che si possa tornare tutti insieme a vivere la montagna e lo sci nel modo più bello e sicuro possibile". 

Nei prossimi giorni sono previste precipitazioni nevose, anche a bassa quota, e anche le temperature si abbasseranno. Un inverno ricco di neve sarà quanto mai importante per la ripartenza dopo un durissimo anno di stop. 

"L'anno scorso è stato molto complicato e duro", conferma Palmieri. "Noi facciamo il nostro lavoro al meglio, con passione, e speriamo di poter vivere una stagione intera con tanta neve e tanta gioia per chi tornerà a sciare, senza ulteriori brutte sorprese".

Artesina e il comprensorio del Mondoleski sono a soli 30 minuti dal casello autostradale di Mondoví. (Autostrada A6). Una offerta di 130 km di piste (a regime con i collegamenti aperti) adatte a tutte le esigenze. Ad Artesina si scia a 2000 metri di quota e la stazione è ideale per le famiglie con il nuovo campo scuola e gli eventi con Pinky e la musica in Piazza.

"Le piste della Turra sono uno dei posti più belli di tutto l'arco alpino", conferma Pietro Blengini, direttore della stazione sciistica. "Piste facili e sempre al sole aspettano ogni tipo di sciatore. Grazie a questo balcone unico sulle Alpi riusciamo ad aprire in anticipo per la gioia di chi non vede l'ora di rimettere gli sci ai piedi".



Le casse sulla piazza di Artesina saranno aperte già da venerdì prossimo. Lo skipass potrà essere acquistato anche sul sito artesina.it dove ci sono anche tutte le ulteriori informazioni utili per vivere il comprensorio. 

"Questa riapertura regala fiducia a tutto il mondo della montagna, così fortemente penalizzato dalla pandemia", aggiunge Blengini. "Artesina con la costruzione del lago sulla Turra, la scorsa estate, conferma di essere fortemente orientata nell'implementazione dell'impianto di innevamento artificiale. Investimenti importanti per rendere la nostra stazione sempre più appetibile. E non dimentichiamo che questa riapertura è importante per le 50 famiglie dei lavoratori che a regime saranno impegnati qui così come per tutto l'indotto che supera le 250 persone tra maestri di sci, negozi, locali etc". 

Artesina conferma la sua vocazione al servizio dello sci e dello sport. "L'anno scorso abbiamo garantito la possibilità di sciare ai gruppi agonistici", ricorda Paolo Palmieri. "Sono venuti Maestri addirittura da San Marino, e poi tanti sci club. E' tornata Marta Bassino che già era stata protagonista sulle nostre piste con Federica Brignone e Sofia Goggia due anni fa". 

Piste amate che tornano a essere protagoniste dopo tanta incertezza. "La gente ha voglia di poter vivere giornate all'aria aperta e in massima sicurezza", conferma Palmieri. "Noi abbiamo fatto tutto il necessario per soddisfare tutte le richieste tecniche. Tutte le nostre seggiovie e gli skilift sono all'aperto. Ci sono le migliori condizioni per respirare aria buona e vivere giornate serene".

La Keycard su cui caricare lo skipass giornaliero può essere ritirata presso le biglietterie ma anche negli esercizi commerciali di Artesina. Online saranno aggiornate in tempo reale tutte le informazioni utili: dal sito ufficiale www.artesina.it alla pagina www.facebook.com/Artesina/. Per maggiori informazioni è possibile chiamare il numero 0174242000 o scrivere alla mail posta@artesina.it

 
33° Galà della Castagna d'Oro Frabosa Sottana 2-3 ottobre 2021


 




Tutte le notizie, sul "33° Galà della Castagna d'Oro" di Frabosa Sottana, (comprese le edizioni precedenti) l'evento di maggior spicco del Comune della Val Maudagna, potete trovarli sul sito dedicato

www.galacastagnafrabosasottana.blogspot.com


clicca qui accedere al sito
 
Conclusione tra gli applausi per il settimo Salone del libro di montagna di Frabosa Sottana

La rassegna svoltasi nel capoluogo della valle Maudagna ha proposto, tra sabato e domenica, tre convegni e numerose presentazioni librarie






Frabosa Sottana 26 luglio 2021 Con una presenza di pubblico più che lusinghiera e la partecipazione qualificata ed apprezzata di autori, editori e relatori dei programmati convegni, si è conclusa domenica sera, a Frabosa Sottana, la settima edizione del Salone del Libro di Montagna.









Nata da un’idea di Gianni Dulbecco, presidente dell’Associazione Culturale Valle Maudagna, patrocinata dal Ministero della Cultura, dalla Regione Piemonte, Provincia di Cuneo e Comune di Frabosa Sottana, sostenuta dalla Fondazione Cassa Risparmio di Cuneo e Banca Credito Cooperativo Pianfei e Rocca de'Baldi, la rassegna che quest'anno si è svolta interamente presso il Salone della Confraternita (g.c. dall'Amministrazione comunale di Frabosa Sottana) si è aprta sabato con la presentazione del nuovo volume di Creatori di Eccellenza "Passeggiate Gourmet" ed ha visto impegnato, nei panni di oratore il direttore generale di Confartigianato Cuneo Joseph Meineri.

 




Massiccia risposta di pubblico e di interesse l'ha fatta registrare anche la conferenza sul tema: "Sulle vie della Pietra, da Fontane alla Balma". Tenuta da Alessandro Barabino, guida ambientale escursionistica e curatore dell'EcoMuseo del Marmo di Frabosa Soprana.


Particolarmente interessante, proposto in diretta sulla piattaforma nazionale della Uisp (Unione Italiana Sport per Tutti), sodalizio che è ospite tradizionale della rassegna libraria e culturale di Frabosa Sottana, l'incontro con Stefano Dati, docente e dottorando presso la UB di Barcellona che ha presentato il libro dal titolo "Voci tra gli Alberi" frutto e volano di un innovativo progetto interdisciplinare. All'evento hanno presenziato la vice presidente nazionale della Uisp, Patrizia Alfano, il presidente nazionale di Uisp Montagna, Sebastiano Lopes e il presidente regionale di Uisp Montagna Piemonte Ermanno Pizzoglio.

Nell’ambito della rassegna svoltasi nel capoluogo di Valle Maudagna sono stati presentati degli autori, trattenutisi cordialmente assieme ai presenti in occasione del tradizionale "Firma Copie", i seguenti libri:

"Fuga dalla Civiltà Umana" di Enrico e Zaccaria G.

"La Signora degli Alpeggi" di Nanni Basso

"Ritratti Alpini" di Gabriele Gallo

"Un lungo viaggio" di Lido Riba

"Facili escursioni sulle Alpi Occidentali" della Compagnia dell'Anello

"Zia Priscilla e l'Asso nella Manica" di Carla Fiore

"Il Libro dell’affresco di Elva. Hans Clemer e il suo mistero in Valle Maira" di Ezio Marinoni

"Le Masche tra noi" di Franca Acquarone e Bruno Vallepiano



Foto, notizie e filmati della settima edizione del Salone del Libro di Frabosa Sottana sono reperibili sul sito internet

www.salonelibromontagna.blogspot.it



 



e sul profilo
facebook: Salone-Libro-Montagna-Frabosa.

 

E’ possibile
contattare gli organizzatori scrivendo a

salonelibromontagna@gmail.com

 

 
Giro d'Italia Donne 2021: La presentazione delle tappe cuneesi con i grandi campioni di oggi e di ieri





 Comunicato Stampa n.3 

Giovedì 3 giugno la presentazione ufficiale della corsa in live streaming, 

venerdì 4 il lancio delle tappe cuneesi in piazza Ex Foro Boario, alla presenza di Elisa Balsamo, Moser, Chiappucci, Cappellotto, Cassani e Sobrero.


Una serata dedicata al grande ciclismo di oggi e di ieri, raccontato dalla voce di chi, in sella alla sua bicicletta, ha scritto e sta scrivendo alcune tra le pagine più belle della storia sportiva italiana. Così la Provincia di Cuneo dà il benvenuto alla 32a edizione del Giro d'Italia Donne 2021, che quest'anno prenderà il via proprio nel cuore della Granda. 

Due gli eventi da non perdere: la presentazione ufficiale della corsa, che si svolgerà giovedì 3 giugno alle ore 12 in live streaming a cura dell'Ente organizzatore PMG Sport/Starlight ssd e il lancio delle due tappe in Granda, in programma per il giorno successivo nell'ambito della serata-evento organizzata con la regia dell'ATL del Cuneese. 


L'appuntamento è per venerdì 4 giugno alle ore 20,30 in piazza Ex Foro Boario a Cuneo, quando si svolgerà la serata "Bici e Campioni", alla presenza di grandi nomi del ciclismo nazionale, da Alessandra Cappellotto, la prima italiana a laurearsi Campionessa del Mondo su strada, a Francesco Moser, il signore "dell'infernale Roubaix" vincitore del Giro '79, che non ha certo bisogno di presentazioni, dal "Diablo" Claudio Chiappucci al CT Davide Cassani, fino alla giovane promessa Matteo Sobrero. A condurre l'evento, lo speaker ufficiale del Giro d'Italia maschile, Paolo Mei. 


La serata si articolerà in tre momenti principali: la presentazione della campionessa di ciclismo Elisa Balsamo come nuovo testimonial del Cuneese nel mondo, a cura dell'Azienda Turistica Locale, la presentazione della Granfondo La Fausto Coppi Officine Mattio e, naturalmente, la presentazione delle tappe in Provincia del Giro d'Italia Donne 2021, a cura dell'Associazione Turistica Mondolè che si sta occupando dell'organizzazione.


"La partenza e il passaggio del Giro Donne 2021 in Provincia di Cuneo - dichiara il Presidente dell'Associazione Mondolè, Paolo Bruno - rappresentano un evento sportivo di altissimo livello. Credo che per presentarlo non potesse esserci palcoscenico migliore di quello di venerdì 4 giugno: una serata nata dalla collaborazione tra realtà che, sul territorio, si occupano di sport e di ciclismo, alla presenza di grandi campioni di oggi e di ieri. Un evento che si preannuncia di grande caratura e che saprà certamente anticipare le emozioni della corsa". 


L'evento è gratuito ed aperto al pubblico, ma con posti a sedere limitati: è pertanto necessaria la prenotazione. Sarà possibile seguire la serata anche al di fuori dell'area transennata riservata all'evento, mantenendo il distanziamento sociale. L'appuntamento è organizzato nel rispetto della normativa vigente ed è obbligatorio indossare la mascherina.  In caso di maltempo, la serata si svolgerà in piazza Virginio. 


I link: 

Per seguire in live streaming la presentazione ufficiale della 32a edizione del Giro d'Italia Donne in programma per giovedì 3 giugno alle ore 12 cliccare qui: presentazione Giro d'Italia Donne 2021. 


Alessandra Cappellotto

Ex ciclista su strada italiana, Alessandra Cappellotto è stata la prima atleta italiana a diventare Campionessa del Mondo su strada grazie al titolo vinto nel 1997 a San Sebastiàn, Spagna. 

Francesco Moser

Ex ciclista su strada e pistard italiano, Moser è un’icona del ciclismo mondiale per il suo palmarès e per l'idea stessa di ciclismo eroico che in sella alla sua bicicletta  ha sempre incarnato. Con 273 vittorie su strada, è il professionista italiano che detiene il maggior numero di successi, si aggiudicò un Giro d'Italia, una Milano-Sanremo, un Campionato del Mondo su strada e uno su pista, ma il suo nome è legato soprattutto all'indimenticabile "tripletta" sulla Parigi-Roubaix, la "regina delle classiche" che Moser ha conquistato per ben tre anni di fila, nel '78, nel '79 e nell'80. 

Claudio Chiappucci 

Ex ciclista su strada e ciclocrossista italiano, professionista dal 1985 al 1998. Vinse una Milano-Sanremo, due Giri del Piemonte, tre tappe del Tour de France e una del Giro d'Italia. Il suo modo di correre, sempre all'attacco, sempre generoso e le sue memorabili fughe gli valsero il soprannome di "El Diablo", un nome che infiamma ancor oggi la passione dei tifosi italiani. 

Davide Cassani 

Dirigente sportivo, ex ciclista su strada e commentatore televisivo italiano, Davide Cassani ha militato nel ciclismo agonistico dal 1982 al 1996, aggiudicandosi due tappe del Giro d'Italia (nel 1991 e nel 1993). Dal gennaio 2014 è Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di Ciclismo su strada maschile élite. 

Matteo Sobrero 

Classe 1997, Matteo Sobrero è un ciclista su strada professionista dal 2020. Giovane promessa del ciclismo cuneese, corre per il team Astana-Premier Tech.



Frabosa Sottana, 31.05.2021

 
Candidatura del Museo della Montagna di Miroglio a Ecomuseo riconosciuto dalla Regione Piemonte

 




Il Comune di Frabosa Sottana ha deciso di sostenere l'idea promossa dall'Assessora alla Montagna Erica Basso, tramite apposita delibera di Giunta, di candidare il "Museo della Montagna e della sua gente" di Miroglio a Ecomuseo riconosciuto a livello regionale. Entrare a far parte del circuito virtuoso degli ecomusei, contribuirebbe alla valorizzazione di tutto il territorio.

 
Erica Basso Assessora alla Montagna


“È sicuramente un processo lungo e non privo di insidie, ma sono certa che valga gli sforzi profusi sin dal primo momento – dichiara l’assessore Basso –; siamo da poco anche stati riconosciuti sottoscrittori della Carta etica della Montagna, dunque è altrettanto giusto riconoscere tutte le peculiarità del nostro Comune e promuoverlo al meglio delle nostre possibilità. Abbiamo riscontrato sin da subito la differenza della legge regionale precedente sugli ecomusei: la 13/18 valorizza molto di più il paese e il paesaggio, coinvolge la popolazione tutta, rendendola parte attiva e consapevole delle proprie origini, e non si limita solo a un patrimonio statico e basato sui ricordi, ma sceglie di mantenere viva l’attenzione, dando voce a tutte le peculiarità che un comune possa avere. Non resta dunque che attendere la prima commissione e sperare che la candidatura soddisfi tutte quelle che sono le nuove normative di legge. Qualora la proposta venga approvata, si partirà con un lavoro sinergico tra l’amministrazione comunale e l’associazione turistica Infopoint Mondolè, andando a cooperare con la scuola elementare, con i residenti e le associazioni di volontariato, incentivando un turismo senza fretta, volto a far vivere e assaporare usi e costumi tradizionali, riscoprendo sentieri, cibi e cultura locale”.
 
Inaugurazione del progetto "Arrampicare per tutti" a Frabosa Sottana e Soprana

 

Inaugurazione all'ingresso del Parco Avventura delle
Grotte del Caudano con i Sindaci di Frabosa Soprana
(Iole Caramello) e Sottana (Adriano Bertolino)


11/10/2020 le due Frabose insieme per l'inaugurazione del progetto “Arrampicare per tutti”, finanziato dalla Fondazione CRC, su progetto dell'arch. Mariangela Borio. A Soprana sono state attrezzate 18 vie sulla parete di falesia nella zona del Serro (Rocia Bela), mentre a Sottana sono stati allestiti due massi artificiali per la pratica del bouldering (sassismo) all’ingresso del Parco Avventura delle Grotte del Caudano, in collaborazione con il CAI di Mondovì ed in particolare con le guide Matteo Casanova ed Andrea Prette, che hanno tracciato i percorsi. 

 
Frabosa Sottana: inaugurato l'archivio storico comunale




Domenica 28 aprile 2019 nell’ambito della Festa di San Giorgio, è stato inaugurato nella Sala consiliare del Comune, l’archivio storico comunale alla presenza dei sindaci dell’Unione montana Mondolè Un lavoro durato cinque anni portato avanti da due esperte del settore. Oggi Frabosa Sottana ha un patrimonio storico a disposizione per ricerche o studi e che ha portato alla luce documenti preziosi. Per l’occasione sono stati esposti diversi documenti tra i quali una mappa del 1700 relativa agli alpeggi completamente restaurata e il documento più antico risalente al 1585.












 
Le immagini della presentazione del Giro d'Italia al Gala Palace di Frabosa Sottana



Tutte le immagini della serata del 24 aprile 2018 al Gala Palace per la presentazione ufficiale della tappa del Giro d'Italia Abbiategrasso-Pratonevoso. Clicca sotto per la fotogallery.click qui
 
Inaugurata la "Salita dei Campioni", con l'intitolazione dei 13 tornanti che portano a Prato Nevoso a grandi campioni del ciclismo



Sono 6 chilometri e 200 metri con pendenza del 7 per cento. E’ la cosiddetta “Salita dei campioni” che giovedì 24 maggio concluderà la diciottesima tappa del Giro ciclistico d’Italia da Abbiategrasso a Prato Nevoso. Sabato 12 maggio il Comitato tappa cuneese ha inaugurato l’intitolazione dei 13 tornanti ad altrettanti grandi campioni del ciclismo, italiani e stranieri. Sono, nell’ordine, Stefano Garzelli (al quale è stato intitolato il tornante numero 1), Vincenzo Nibali (il numero 2), Fabio Aru (numero 3), Paolo Savoldelli (numero 4), Marco Pantani (numero 5), Pavel Tonkov (numero 6), Simon Gerrans (numero 7), Gianni Bugno (numero 8), Claudio Chiappucci (numero 9), Francesco Moser (numero 10), Italo Zilioli (numero 11), Franco Balmamion (numero 12) e Fausto Coppi (numero 13). 
 
Frabosasottana.com compie 10 anni. Fondato nel 2007 conta oltre 50mila contatti annuali




Una ricchissima galleria fotografica. Un obiettivo sempre acceso sulla Valle Maudagna. In evidenza storia e tradizioni, ma anche puntuali reportages sugli eventi e le manifestazioni che si svolgono in questo angolo del monregalese.

Il sito www.frabosasottana.com compie 10 anni dalla sua fondazione avvenuta nell'ottobre del 2007.

"A quella data i social come facebook e twitter erano appena sorti, e non esisteva a Frabosa Sottana neppure l'ufficio turistico che venne inaugurato nel luglio 2011.

Così il creatore del sito Gianni Dulbecco ideò letteralmente un sito che valorizzasse turisticamente, e a 360 gradi, Frabosa Sottana e tutto il comprensorio che comprende le stazioni sciistiche del Mondolè (Artesina e Pratonevoso).

L'idea colpì nel segno. Il sito ebbe subito successo, in quanto assieme alle notizie, ad aggiornate informazioni sugli eventi e sulle manifestazioni proposte in Valle Maudagna, si potevano scoprire storia e tradizioni dell'intera zona.

«Il successo di "frabosasottana.com" –racconta l'ideatore e creatore del sito, Gianni Dulbecco– è dato dall'essere sempre presente alle manifestazioni e dall'aver creato una galleria di immagini che supera le cinquemila foto. Nel corso di questi ultimi anni state create numerose pagine facebook ad hoc, ma il sito "frabosasottana.com" ha retto ed ha addirittura incrementato le visite che oggi si attestano su 50mila contatti annuali. Preme ringraziare tutti coloro che in questi dieci anni ci hanno seguito e che forniscono lo stimolo a proseguire con la professionalità e l'impegno che ci hanno sempre contraddistinti, questo nostro lavoro».

 
Le immagini del concerto di ferragosto 2017



Le più belle immagini del 37° Concerto di Ferragosto (svoltosi nell'anfiteatro naturale dell'Alpe Gavo nel Comune di Frabosa Sottana) tenuto dall'Orchestra Sinfonica Bartolomeo Bruni Città di Cuneo, le trovate cliccando sotto
click qui

 
Le immagini della Mondolè Ski Alp, Coppa del Mondo di sci alpinismo disputata a Pratonevoso



Nella sezione immagini è disponibile la photogallery (oltre 200 foto) della tappa italiana della Coppa del Mondo di sci alpinismo [Mondolè Ski Alp] disputata sabato 25 e domenica 26 marzo sulle nevi del comprensorio Mondolè.

clicca qui
 
A Frabosa Sottana è nata l'Associazione Culturale Valle Maudagna






COMUNICATO STAMPA



Frabosa Sottana (CN) 31 marzo 2015 – E’ stata costituita nei giorni scorsi l’Associazione Culturale Valle Maudagna. Tra le principali finalità della neo nata associazione, che ha istituito la propria sede a Frabosa Sottana (CN), quella di svolgere attività in campo culturale finalizzata alla promozione dell’intero territorio della Valle Maudagna valorizzando gli aspetti storici, archeologici e le antiche tradizioni. In calendario l’organizzazione di conferenze e convegni a carattere culturale, presentazioni e promozioni librarie, happening e mostre.


Il logo dell’associazione richiama tre elementi cardine del territorio di Frabosa Sottana: il monte Mondolè la vetta simbolo della Valle Maudagna, il torrente Maudagna che dà il nome alla Valle, e la ruota del vecchio mulino uno dei simboli di Frabosa Sottana, che per alcuni secoli assunse la denominazione di “Frabosa dei mulini” visto che in zona si erano diffuse le macine mosse ad acqua sfruttando la forza del torrente Maudagna.


«Abbiamo tante idee e progetti da sviluppare – dichiara il presidente Gianni Dulbecco – stiamo lavorando all’allestimento della seconda edizione del “Salone del Libro di Montagna” che organizzeremo in collaborazione con l’Associazione San Biagio di Miroglio e che si svolgerà il 4 e 5 luglio a Frabosa Sottana: un evento che lo scorso anno, al suo debutto, ha riscosso un notevole successo di partecipazione. Entro il 2015 intendiamo portare a compimento altre iniziative, tutte mirate a tenere accesi i riflettori su questo vitale e dinamico spicchio di Piemonte».

Per contatti e informazioni: ass.culturalevallemaudagna@gmail.com
 
Grande successo per la conferenza sul Progetto Ethwal tenuta dal Professor Francesco Carrer




Frabosa Sottana 16 agosto 2014
Si è svolta sabato 16 agosto nei locali della Confraternita di Frabosa Sottana la Conferenza sul Progetto EthWAL tenuta dal Professor Francesco Carrer del dipartimento di archeologia della University of York (Regno Unito) organizzata da Gianni Dulbecco (frabosasottana.com) in collaborazione con il Comune di Frabosa Sottana. Il progetto finanziato dalla Comunità Europea, riguarda lo studio delle strutture pastorali di alta quota di due aree campione delle Alpi Occidentali, la Valle Maudagna e la Valle de Freissinieres (Hautes-Alpes, Francia). Le ricerche si sono concentrate su tre tipi di evidenze: le capanne pastorali tradizionali (i casot) in pietra a secco ancora in parte utilizzate, le aree di pascolo selezionate dai pastori per stabulare gli animali (i gias), le strutture semiinterrate in muratura utilizzate per conservare e stagionare i formaggi (le selle). Il metoto utlizzato è sia antropologico che archeologico, da una parte infatti vengono intervistati i pastori locali per comprendere le strategie di uso delle alte quote, dall'altra invece vengono studiate in maniera approfondita le strutture, la loro architettura ed i loro spazi interni. La conferenza, seguita da un pubblico numeroso ed attento, ha visto la partecipazione del Vice Sindaco di Frabosa Sottana Dr. Jacopo Denina e da altri componenti il Consiglio Comunale. Al termine della illustrazione del Prof. Carrer, sono state poste numerose ed interessanti domande alle quali il relatore ha risposto con termini di facile comprensione per tutti. Al termine della serata, dopo la consegna di una pergamena ricordo a Francesco Carrer, c'è stato l'impegno di tenere la prossima estate una seconda conferenza che illustrerà i risultati degli scavi effettuati quest'anno che verranno elaborati nei laboratori dell'Università di York nei prossimi mesi. Di seguito un riassunto delle slide della presentazione della conferenza.

Etnoarcheologia dei paesaggi di alta quota delle Alpi occidentali.

L'etno-archeologia è lo studio etnografico legato all'archeologia. In cosa consiste l’etnografia? L’etnografia dal greco etnos (popolo) e grapho (scrivo) letteralmente “descrizione del popolo” è il metodo con cui operano le ricerche sul campo delle scienze etno-antropologiche. Fare etnografia significa recarsi tra coloro che si vuole studiare per un certo periodo di tempo, ed utilizzare alcune tecniche di ricerca (come l’osservazione e l’intervista) allo scopo di collezionare un insieme di dati che poi vanno interpretati.





La Val Maudagna presa in esame per il Progetto EthWAL






Nel caso dei paesaggi di alta quota ci si avvale di due strumenti di lavoro: le interviste ai malgari e la ricerca in archivi, biblioteche, comuni di documenti storici che aiutano l’archeologo nella successiva fase di scavo. Nel luglio del 2013 il Prof. Francesco Carrer del dipartimento di archeologia della University of York (Regno Unito) ha iniziato la ricognizione della zona presa in esame, (la Val Maudagna) avvalendosi di quattro strumenti fondamentali per l’investigazione: la bussola, il gps, il registratore e la macchina fotografica. La bussola ovviamente serve per l’orientamento, il GPS è un sistema di posizionamento e navigazione satellitare che attraverso una rete satellitare fornisce ad un terminale mobile o ricevitore GPS informazioni sulle sue coordinate geografiche ed orario in ogni condizione meteo. La localizzazione avviene tramite la trasmissione di un segnale radio da parte di ciascun satellite e l’elaborazione dei segnali ricevuti da parte del ricevitore. Il registratore è utile quando individuato un insediamento, se ne devono descrivere nell’immediato le caratteristiche quali la lunghezza, larghezza, dimensione in altezza ed altre notizie utili che assieme agli scatti fotografici consentiranno in un secondo tempo di studiare meglio il sito in questione. La fase successiva archeologica riguarda lo scavo vero e proprio dell’insediamento. Il Progetto Ethwal, finanziato dalla Comunità europea e portato avanti dall’Università di York, indaga su due aree distinte delle Alpi Occidentali, la Val Maudagna nel territorio di Frabosa Sottana, ma non solo, e la Vallèe de Freissinieres nel dipartimento francese delle Hautes Alpes nei pressi di Briancon.



Le due valli prese in esame dal Progetto EthWAL





Due immagini di casot: il alto casot ancora ben conservati, in basso
ruderi in pietra a secco. Sono stati censiti dal Prof. Carrer in Valle
Maudagna circa ottanta insediamenti




Cosa studia questo progetto? Il progetto studia i casot dei pastori in alta quota, che venivano e vengono ancora oggi utilizzati durante il periodo estivo (giugno-fine settembre). Perché proprio in Val Maudagna si è concentrata la ricerca? Tutto nasce da un opuscolo realizzato dal Dottor Giovanni Comino ex Sindaco di Frabosa Sottana, quando a capo del servizio veterinario dell’asl di Cuneo realizzò il libretto dal titolo “Caseificare in alpeggio: si può? Una tradizione tra passato, presente e futuro”. Il volume venne mostrato al Prof. Carrer il quale vedendo alcune immagini dei casot, rimase stupito di come alcuni di loro si erano conservati in maniera ottimale rispetto ad altre zone alpine, e nel 2012 presentò appunto un progetto di ricerca che venne autorizzato. Cos’è un casot? Molte persone andando in alta montagna li avranno visti, ma sicuramente la gran parte non conosce l’utilizzo passato, presente e futuro di tali insediamenti. Nell’estate del 2013 il Prof. Carrer nel corso di due campagne in luglio e agosto, riuscì nella zona della Balma a censire circa ottanta casot, alcuni ancora utilizzati o abbandonati da pochi anni, altri solamente ruderi di pietra. Lo scavo dell’estate 2014 si è concentrato per oltre una settimana su di un casot situato al di sotto del lago della Brignola, posto vicino ad una fontana, in una posizione ottima.





A questo punto sorge spontanea da parte di molti la domanda: perché studiare i casot?


Per diversi motivi:


- per ricostruire la storia


- per capire meglio la storia (antica e moderna) della pastorizia


- per capire perché sono stati costruiti e utilizzati


- per capire meglio la storia (antica e moderna) dei paesaggi alpini


- il quinto motivo, perché sono un patrimonio da preservare, che può essere uno strumento di valorizzazione turistica del territorio.




Come si studiano i casot?


Si inzia con il lavoro di censimento e catalogazione perlustrando l’intera zona in questo caso l’intera Val Maudagna. Facendo ricerche su documenti e libri in archivi e biblioteche. Realizzando interviste con coloro che utilizzano o hanno in passato utilizzato tali strutture, i pastori e i malgari, partendo dai giovani per arrivare agli anziani che hanno una memoria storica ovviamente più lunga che può arrivare attraverso le testimonianze dei loro padri anche ad oltre cento anni indietro.

La fase successiva è quella dei rilievi topografici che viene effettuata con strumenti familiari ai geometri come la stazione totale. In seguito si passa aiI campionamenti e per finire lo scavo archeologico. Tutti i dati raccolti in estate vengono rielaborati nella stagione invernale in università, compiendo analisi statistiche e analisi di laboratorio. I primi risultati di questa ricerca hanno consentito di censire oltre 80 insediamenti nella zona circostante il Rifugio Balma, ma sicuramente i casot erano un tempo molti di più.

I casot sono sopravvissuti fino ai nostri giorni (alcuni insediamenti sono risalenti ad oltre tre secoli fa), sono elementi caratteristici del paesaggio montano locale, si collocano al confine tra archeologia, storia e etnografia, sono di grande interesse per la ricerca scientifica, un patrimonio da proteggere e valorizzare e di potenziale interesse turistico.






Nelle due foto l'interno di un casot perfettamente conservato



Quali sono le ricadute sul territorio? Conferenze come quella tenuta il 16 agosto 2014 a Frabosa Sottana, con la presentazione del progetto e dei primi risultati, articoli su internet, sulla stampa, su riviste scientifiche, ma la novità consiste nella ricaduta turistica con la valorizzazione attraverso volantini informativi ed opuscoli. Il turista ha già a disposizione i numerosi sentieri che passano attraverso i casot, quindi non resta che sfruttare questa potenzialità per il futuro.







La consegna della pergamena ricordo da dx Gianni Dulbecco
(frabosasottana.com) organizzatore della conferenza, al centro
il Prof. Francesco Carrer e a sx il Vice Sindaco Jacopo Denina


 
Trasmissione televisiva "La Scia Bianca" dedicata al Mondolè disponibile on-line




E' disponibile on line su youtube il video della puntata del programma "La Scia Bianca" andato in onda sabato 29 dicembre 2012 su  GOLD TV Italia relativa al Mondolè Ski e a Frabosa Sottana. La puntata è stata realizzata a Frabosa Sottana, Artesina e Prato Nevoso nei giorni 6-7-8 dicembre 2012. La trasmissione è realizzata sotto forma di reality con il coinvolgimento di operatori e persone del luogo. La conduttrice (Adele Di Benedetto) infatti,  veste i panni di una turista e presenta al telespettatore la località indicandone tutte le caratteristiche tipiche della vacanza, senza dimenticare di esaltarne le bellezze naturalistiche, gastronomiche, sportive, tradizionali e culturali, con un occhio attento ai costi.

Clicca sotto per visualizzare la puntata dedicata al Mondolè

http://www.youtube.com/watch?v=KBNC1JDsyyU&list=UUxRoG4S4p2urMB9UMJH4g1Q&index=1
 
``
Per conoscere l'antico borgo di Miroglio di Frabosa Sottana
clicca qui per entrare
 
Orari apertura Infopoint inverno 2021/22




Di seguito gli orari di apertura degli Uffici Turistici Infopoint Mondolè di Frabosa Sottana e Prato Nevoso Inverno 2021/22

INFOPOINT MONDOLE' FRABOSA SOTTANA

Via IV Novembre 12 (piano terra Municipio)- Frabosa Sottana
Aperto da lunedi al sabato con orario 9.00-12.00, e dalle 15,00 alle 18,00.
Domenica orario 9.00-12.00

Per contatti tel. 0174-244481 mail: infopointmondole@gmail.com


INFOPOINT MONDOLE' PRATO NEVOSO

Piazzale Dodero - Prato Nevoso.
Aperto tutti i giorni con orario 09.00-12.00 e 15,30-18,30 Mercoledì chiuso.
Per contatti tel. 0174-334133 mail: infopointpratonevoso@gmail.com

 

Google

GuestBook
Blog
Chat
Giochi

Dal mondo
Ultimissime...

 » Galà della Castagna d'Oro Frabosa Sottana
 » Progetto Alp Campus Giovani
Progetto Alp Campus Giovani
 » Comune Frabosa Sottana
Sito istituzionale Comune Frabosa Sottana
 » Sagra castagna FrabosaSottana
Sito della Sagra della Castagna Frabosa Sottana
 » Mondole.it
Sito Associazione Turistica Mondolè
 » Sito Frabosa Soprana
Nuovo sito su Frabosa Soprana
 » Comune Frabosa Soprana
Sito istituzionale Comune Frabosa Soprana
 » Comune di Collobrières
Il sito del Comune francese gemellato con FrabosaSottana dal 17 ottobre 2010
 » Miroglionews
Per conoscere Miroglio l'antico borgo del comune di Frabosa Sottana
 » ilmeteo.it
Previsioni meteo di Frabosa Sottana
 » hoteldellealpi.eu
Albergo Ristorante delle Alpi - Miroglio (Frabosa)
 » artesina.it
 » pratonevoso.com
 » frabolandia.it
 » frabosaski.it

Sito Online di Euweb